Made in Italy School

Wine manager, la nuova figura del Made in Italy

Negli ultimi anni imprese medio-grandi hanno investito in questa figura professionale

Wine manager, la nuova figura del Made in Italy

21/11/2016

In un mercato economico sempre più connesso e globale, anche il mondo del vino e della ristorazione è alla costante ricerca di Wine Manager ben preparati e competenti capaci di affrontare la forte concorrenza a livello internazionale.

Questa nuova professione del vino è la nuova figura simbolo del Made in Italy e negli ultimi anni ha attirato gli investimenti di moltissime grandi e medie imprese in questo mondo affascinante, ricco di profumi e sapori.

IL WINE MANAGER è un professionista incaricato della scelta e del servizio delle bevande, in particolare dei vini, in aziende ristorative, alberghiere ed enoteche, oltre che della gestione della sala. È responsabile della cantina e del budget relativo alla gestione del suo settore, cura i rapporti con la produzione, la stesura periodica della carta dei vini nonché gli acquisti e la vendita delle bevande a lui affidate in funzione del tipo di menu, della clientela e della categoria dell'azienda. 

COMPETENZE PROFESSIONALI 

  1. Organizza gli acquisti. Il Wine Manager assiste il Chef Sommelier nell'acquisto bevande di qualità secondo il budget stabilito, lo stile dei ristorante e della cucina, le possibilità di stoccaggio, selezionando i prodotti dopo averli attentamente degustati e averli valutati in base al principio fondamentale del rapporto qualità/prezzo.
  2. Gestisce gli acquisti e controllare gli stock. Il Wine Manager assicura una gestione ottimale della cantina, ne controlla le condizioni di temperatura e umidità per garantire la conservazione migliore per i vini e tiene aggiornata la carta dei vini.
  3. Sovrintende ai rapporti con i servizi interni. Il Wine Manager sovrintende alla formazione del personale e favorisce una serena collaborazione tra il personale di cucina e di sala.
  4. Realizza la vendita al ristorante. Il Wine Manager organizza la cantina del giorno e tiene aggiornato lo scarico e il carico dei vini e delle bevande dalla cantina e incrementa il volume della vendita dei vini e altre bevande.
  5. Valorizzare i cibi. Il Wine Manager valorizza gli abbinamenti dei cibi e dei vini scegliendo i prodotti più adeguati a tale scopo.
  6. Cura i rapporti con il cliente. Il Wine Manager consiglia i clienti assecondando, quando è possibile, i loro desideri e possibilità; serve le bevande con classe e stile; lavora sempre con la massima discrezione e con buon umore dimenticando i problemi personali.

REQUISITI PROFESSIONALI 

  1. Conoscenze relative alla viticoltura, all'enologia, alla geografia e alla legislazione vitivinicola: il Wine Manager dovrà gradualmente indirizzare le sue conoscenze verso i principali paesi produttori di vino del mondo studiandone le leggi che li regolano;
  2. Conoscenza della tecnica di degustazione: il Wine Manager discernere con metodo i caratteri organolettici di un vino, valutandone la qualità (analisi organolettica). La degustazione è essenziale per tale professionista; essa si apprende educando la memoria e le conoscenze gustative che si affinano mediante continue degustazioni e per esempio, visitando frequentemente i produttori di vino;
  3. Conoscenza e capacità di applicare il metodo A.I.S. per l'abbinamento cibo-vino. E' questo il primo ed unico metodo tecnico-scientifico al mondo che, seguendo un ragionamento logico, motiva la scelta del vino in funzione dell'intensità delle sensazioni del cibo (o viceversa). Queste vengono qualificate, quantificate ed opportunamente "contrapposte" al fine di ricercare l'equilibrio gustativo. E' nella fase di abbinamento cibo-vino che il Wine Manager dà la massima espressione della sua competente professionalità;
  4. Conoscenze della tecnica di gestione relativa al settore delle bevande: la gestione comprende una serie di operazioni che vanno dalla stesura di un budget e di un piano finanziarlo per l'acquisto dei vini, agli approvvigionamenti, alla stesura di una Carta dei Vini, oltre ad una competente conoscenza delle tecniche di commercializzazione. Con la gestione delle bevande, il Wine Manager si afferma come moderno tecnico della ristorazione;
  5. 5. Conoscenza e capacità di applicare le tecniche e le regole del servizio di sala oltre alle norme del galateo, indispensabili per il corretto svolgimento del suo lavoro tra i tavoli del ristorante;
  6. Capacità di utilizzare la tecnica della comunicazione: è il modo con il quale si riesce ad attirare l'attenzione e la simpatia del cliente per suscitare in lui l'interesse a seguire i consigli che il Wine Manager gli propone con l'obiettivo finale di soddisfarlo. Conoscere quindi i principi e le tecniche della comunicazione significa migliorare la propria professionalità;
  7. Capacità di esprimersi nelle principali lingue straniere: esse sono indice di cultura ma soprattutto sono parte integrante del bagaglio professionale ed indispensabile del moderno Sommelier/manager. L'apprendimento può essere facilitato mediante soggiorni all'estero;
  8. Interesse rivolto alla partecipazione a degustazioni e seminari di aggiornamento oltre che nel curare le P.R. con i produttori di vino.

  • Condividi questo articolo

Torna al Blog

VUOI SAPERNE DI PIÙ?

RICHIEDI INFORMAZIONI LIVE CHAT
CHIAMA ORA
06 42016628
e seguici su
CHIAMA